Coordinamento donne

Art.23 dello Statuto Spi Cgil:

I Coordinamenti si costituiscono ai vari livelli dell’organizzazione su proposta e iniziativa autonoma delle donne Spi Cgil, come sedi di relazione politica tra le donne e di comunicazione e con-fronto tra le diverse esperienze, progetti, forme di aggregazione, ed elaborano autonomamente proposte e iniziative al fine di superare condizioni di organizzazione pregiudizievoli per le donne, anche riguardo all’esperimento di specifiche azioni presso gli organi competenti.

I Coordinamenti hanno diritto di avanzare proposte in merito ai contenuti rivendicativi di politica economica e sociale; hanno diritto di proposta sulla definizione dei criteri per le candidature a cariche esecutive in attuazione degli indirizzi sanciti dall’art. 10 dello Statuto.

Per materie e tematiche di particolare rilievo per le condizioni delle donne, le strutture devono confrontarsi con il parere e le proposte dei Coordinamenti.

 

Coordinamento donne SPI CGIL provinciale

 

Il coordinamento dello SPI di Prato è organizzato con i coordinamenti donne interni ad ogni lega e Manuela Parigi è la coordinatrice provinciale, Grazia Maria Tempesti referente per la segreteria provinciale SPI.

SCOPO del coordinamento è occuparsi delle politiche femminili e quindi:

• operare analisi delle situazioni, a partire dai bisogni specifici delle donne;

• promuovere azioni di contrattazione di genere su tematiche che riguardano le donne;

• sviluppare l’attenzione alle problematiche del mondo femminile nelle contrattazioni a tutti i livelli;

• diffondere la conoscenza ad esempio L. 53/2000 sui congedi parentali, L. 194 Interruzione volontaria della gravidanza, L. 15 ottobre 2013, n. 119 contro la violenza di genere , Protocollo Parti Sociale Prato contro la violenza e le molestie nei luoghi di lavoro del 31/01/2017;

CONSIDERIAMO altrettanto importante, anzi fondamentale, risvegliare l’attenzione sulla necessità di garantire pari opportunità a livello sociale, professionale e culturale. Riteniamo che ancora oggi la disparità tra i sessi sia profonda e che le donne facciano ancora molta fatica a imporsi a livello sociale, pubblico e personale.

Anche a livello familiare la donna ha l’onere maggiore del lavoro domestico e di cura, e stenta a trovare spazi personali liberi e autogestiti.

RITENIAMO perciò che occorra compiere un grande cambiamento culturale in tutta la società, presupposto indispensabile per iniziare a praticare azioni efficaci e concrete anche nei comportamenti quotidiani per il rispetto di genere. Per questo ci adoperiamo per sviluppare riflessioni, discussioni e azioni che possano aiutare tutte/i a superare stereotipi e pregiudizi.

INOLTRE IL COORDINAMENTO DONNE patrocina e organizza percorsi e laboratori con gli studenti sia delle scuole elementari, medie, e superiori, allo scopo di sensibilizzare e promuovere, proprio a partire dal coinvolgimento delle giovani generazioni, un modello di società in cui il rispetto verso le Donne e più in generale verso l’altro è un valore fondamentale e irrinunciabile. Prerogativa e priorità di questi progetti è contrastare, attraverso la formazione, ogni forma di violenza contro le donne e il drammatico fenomeno dei femminicidi.

Le Donne dello SPI CGIL sono parte integrante del Coordinamento Donne Camera del Lavoro di Prato e contribuiscono al funzionamento dello  Sportello Donna.