La rivalutazione delle pensioni

Le pensioni si rivalutano ogni anno sulla base dell’indice medio dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. Gli indici mensili, la media annuale e la percentuale di variazione sono calcolati dall’Istat che li comunica al Ministero dell’economia. Questo, ogni anno, di solito a novembre, emette un decreto di concerto con il Ministero del lavoro con il quale indica in via provvisoria la percentuale di perequazione automatica per le pensioni per l’anno seguente e rende noto il valore definitivo dell’aumento per l’anno in cui esce il decreto. Questo valore può coincidere o no con quello indicato l’anno prima in via provvisoria. Eventuali scostamenti sono conguagliati nell’anno successivo a quello di pubblicazione del decreto.

Con il 2014 è terminato il blocco dell’adeguamento al costo della vita stabilito dalla legge Fornero/Monti con il quale fu stabilito che, per gli anni 2012 e 2013, la perequazione automatica spettasse soltanto alle pensioni di importo complessivo non superiore a 1.405 euro. Alla fine del blocco era previsto il ripristino del sistema di perequazione precedentemente in vigore. Invece, con la legge di stabilità per il 2014 sono state adottate misure che limitano l’efficacia della perequazione automatica per altri tre anni.

La legge di stabilità per il 2016 ha prorogato la scadenza di altri due anni, fino al 2018.

Dal 2019 si sarebbe dovuto tornare alla legge 388/2000, che prevede un sistema di rivalutazione per fasce di reddito anziché sull’importo complessivo delle pensioni.

Le perdite dovute alla mancata rivalutazione, anche se sembrano ridotte, hanno carattere permanente e rimarranno per tutto il resto della vita.Questo è un atto di imperio profondamente ingiusto che viola gli impegni assunti dal precedente governo che aveva stabilito il ritorno ad un meccanismo di rivalutazione pieno dal 1 gennaio 2019; un meccanismo che fosse in grado di tutelare il potere d’acquisto dei pensionati.

 

Non è stato così, di seguito riportiamo il sistema di rivalutazione attualmente in vigore:

Come funziona nel 2020

La rivalutazione automatica delle pensioni è riconosciuta:

  • interamente, ai trattamenti pensionistici di importo complessivo fino a quattro volte il trattamento minimo
  • al 77% del valore dell’aliquota di aumento, alle pensioni di importo complessivo compreso fra quattro e cinque volte il trattamento minimo
  • al 52%, alle pensioni di importo complessivo compreso fra cinque e sei volte il trattamento minimo
  • al 47%, alle pensioni di importo complessivo fra sei e otto volte il trattamento minimo
  • al 45%, alle pensioni di importo complessivo fra otto e nove volte il trattamento minimo
  • al 40% alle pensioni di importo complessivo superiore a nove volte il trattamento minimo

Per il 2020 le pensioni saranno rivalutate con l’indice provvisorio di rivalutazione pari a 0,4%.

 

 

 

 

Per maggiori informazioni vieni a trovarci in una delle nostre sedi o scrivici all'indirizzo spiprato@prato.tosc.cgil.it